Il Sito www.euroafricalions.org cambia pelle!

wwwQuando nel 2007 al Forum Europeo di Bucharest presentai l’attuale sito del Comitato Euroafricano, presieduto, allora come ora, dall’ ID Fresia, le esigenze erano quelle di avere una visione globale di quanto i Lions Europei avevano fatto e stavano facendo in Africa.

Per questo il sito mirava a diventare un archivio storico ed una visione dei progetti in corso a disposizione di chiunque avesse voluto intraprendere service nel continente africano. Era offerta altresì la possibilità di agevolare l’ ottenimento di contributi dalla LCIF.

Il nostro impegno era quindi quello di raccogliere più materiale possibile che, tradotto nelle quattro lingue del sito, veniva inserito nelle schede delle nazioni oggetto degli interventi.

Per grande merito della nostra Associazione, in questi anni tanti sono stati gli interventi e le iniziative intraprese da Club Europei.

E’ per questa ragione che il Comitato ha ritenuto opportuno mettere a disposizione dei componenti africani ed europei un nuovo sistema di comunicazione attraverso il sito, che, cambiando totalmente pelle, offrirà una nuova grande opportunità.

La nuova versione disporrà di una nuova piattaforma che muterà totalmente il concetto della vecchia versione ribaltando agli utenti la possibilità di pubblicare news sui nuovi o sui vecchi service nonchè proporre iniziative da effettuare sul suolo africano.

Tutti i Lions potranno essere accreditati (inviando un’apposita email) come autori e pubblicare articoli inerenti le attività che rappresenteranno.

Tre grandi contenitori saranno, infatti, a disposizione di coloro che vorranno comunicare service già fatti, in itenere o sogni nel cassetto da proporre ad eventuali Club interessati. Questi contenitori (che saranno gestiti dalla redazione) avranno some oggetto le News dal Comitato, le News dall’Africa e le News dall’Europa.

Esse andranno ad incrementare le schede già pubblicate sul sito che saranno riprese dall’attuale versione.

L’impegno sarà gravoso soprattutto per mantenere le quattro lingue: taliana, inglese, francese e tedesca.

Allo scopo si accetteranno volentieri volontari disposti alla traduzione degli articoli pubblicati.

Gli eventuali volontari o i “curiosi” che vorranno avere ulteriori spiegazioni possono rivolgersi al sottoscritto Mauro Bianchi (bm5746@gmail.com).

Mauro Bianchi 108Ia3
– IT EAC

 

Comments are closed.